Menu

Attività

  • MaddalenaValentinah ha inviato un aggiornamento 2 anni, 6 mesi fa

    Domanda per tutti: qual’è il vostro metro di giudizio nel commentare e votare un racconto?

    1+
    • Io vado a pelle , mi deve prendere, poi analizzo la “tecnica” che non so neppure cosa sia, visto che non so scrivere, ma solo leggere

    • Principalmente cosa mi ha comunicato, sensazioni, emozioni

    • uh a questa posso rispondere anche io 😀 ahah
      Io sono una tipa molto emotiva, perciò mi lascio trasportare dalle emozioni che mi ha donato il racconto o la storia! 😀 ma questo non vuol dire che debba essere un racconto strappalacrime per forza (anche perchè io piango con molta facilità ahah), l’importante è che mi dia un grande impatto a livello interiore insomma.

    • Due parametri quasi contrapposti: la sensazione che mi ha dato durante la lettura e la tecnica che usa. Se stanca pur essendo breve, e dunque non colpisce, per me c’è qualcosa che non va…

    • 1) Conto i caratteri
      2) Evidenzio gli avverbi
      3) Misuri quanto tempo impiego a leggerlo

      Scherzo ma il punto 3) non è proprio così banale.
      Se mi rendo conto di aver letto tutto d’un fiato ci sono buone possibilità che sia un 5 stelle (non intenso in senso politico).
      Se devo rileggere per comprendere andiamo male, ma potrei essere smentito.

    • Domanda impegnativa… Di solito, prima di esprimermi, leggo tutti i racconti in concorso e mi prendo un po’ di tempo per riflettere, prima di rileggere una seconda volta e vedere se la prima impressione è confermata.
      Finora tutti i racconti che hanno partecipato ai nostri contest sono stati di un livello alto e di questo non posso che essere felice! La cosa più interessante è vedere come uno stesso argomento viene declinato in maniere molto differenti, sia come stile, sia come contenuti.
      Per tornare alla vostra domanda (ma poi dovrete rispondere anche voi!): in parte sicuramente entra in gioco il gusto personale, ma ho un occhio di riguardo per il modo in cui il racconto mi parla, per gli argomenti toccati, per l’originalità della storia, per lo stile e per la bravura nella conduzione del racconto.

    • Per me è pura emozione. Non essendo scrittrice di professione non riuscirei mai ad esprimere giudizi tecnici!
      Giudicano i sensi per me!

    • Anche io mi lascio completamente travolgere dalle emozioni e…voto d’impulso!

    • Anche io come @lidia mi lascio completamente travolgere dalle emozioni. Soprattutto, voto i racconti che non solo si leggono ma si “sentono”, quelli che insomma smuovono delle emozioni.

      @inverosimilmente posso chiederti cosa intendi quando dici che conti gli avverbi? Sto frequentando un corso di scrittura creativa e il nostro docente dice spesso che quando scriviamo dobbiamo stare attenti a non usare troppi avverbi, in particolare quelli che finiscono in -mente (i miei preferiti!). Sono così disturbanti?

      • Non ho frequentato nessun corso, ma ne facevo (e delle volte ne faccio) un uso esagerato (guarda il mio nick….) in ogni caso l’avverbio viene usato per sostituire un concetto che potrebbe essere spiegato con un periodo o degli accopiamenti di parole. Non mi sento di demonizzare il concetto di avverbio. Diciamo che usati al posto giusto sono carini, decisamente.