Menu

Ivano Petrucci

  • Ivano Petrucci ha scritto un nuovo articolo, BURATTINO D’EMOZIONI in 1. Coffee Break 2 mesi, 1 settimana fa

    Avrei voluto essere l’orlo velato della tua gonnao il delicato rossetto che ti imperlava le labbra,quel rosa che mascherava l’ombra di un capriccio,insignificante meccanica e diabolica sottigliezza; e anche con […]

  • Ivano Petrucci ha scritto un nuovo articolo, LIMBO in 3. Tè & Relax 2 mesi, 3 settimane fa

    La camera è grigia, la polvere si ispessisce e, con macabra lentezza, tutto si degrada allo stesso modo in cui i morti marciscono sotto terra. Sua madre tenta di consolarla da più di tre anni, tenta di dirle che n […]

  • Ivano Petrucci ha scritto un nuovo articolo, Nel cuore di Rosslyn in 3. Tè & Relax 5 mesi, 3 settimane fa

    In un sogno, Katherine aveva visto chi era veramente. Aveva visto cosa c’era all’interno della colonna.Poi, aveva dimenticato tutto.Da quando era lì, aveva dimenticato anche che il sole sorgeva sempre dai […]

  • Ivano Petrucci ha scritto un nuovo articolo, Se sia un mostro in 1. Coffee Break 8 mesi fa

    Non attenderà mai più il riflesso dell’ombra altrui: ogni maschera si strappa l’una contro l’altra, le voci gli si dileguano dal cervello e i suoi crimini resuscitano come famelici zombi.Si chiede se sia un mo […]

  • Ivano Petrucci ha scritto un nuovo articolo, Quello che non ho mai detto in 1. Coffee Break 8 mesi, 2 settimane fa

    Ogni tua movenza, ogni tua singola parola, ogni tua espressione è una sfera levigata su cui riflette una rumorosa menzogna e una stilla di silenzio nella moltitudine dei suoni. Sono stati profumi architettati […]

  • Ivano Petrucci ha pubblicato un nuovo commento all’attività 9 mesi fa

  • Ivano Petrucci ha pubblicato un nuovo commento all’attività 9 mesi fa

    Il ritmo narrativo è quanto meno eccelso, dà la giusta carica emotiva in un percorso che celebra così profondamente i sentimenti, almeno per me… Percorso, oltretutto, ben giocato dal countdown del numero di battute. E poi: “ci fissiamo nelle cellule della memoria, coscienti della sua labilità. Lasciamo orme tra i nostri cromosomi.” la posso con…[Leggi tutto]

  • Ivano Petrucci ha scritto un nuovo articolo, Parola alla Volontà in 1. Coffee Break 9 mesi fa

    Qualunque cappuccio tu mi metta, qualunque ferita tu mi infligga, io ci sarò sempre, qui sotto la tua pelle e sotto la profondità più buia della tua anima. Credi che il tempo possa logorarmi e uccidermi momento pe […]

  • Ivano Petrucci ha scritto un nuovo articolo, Spirale notturna in 3. Tè & Relax 9 mesi fa

    Le mie mani.Colme di sogni.Piene di segni.Le mie mani parlano.«Cosa siamo?» mi dicono.«Chi sei?» mi chiedono.«Afferra la tua vita!» gridano.Mi sveglio di colpo esalando un rantolo roco, le lenzuola sono asciu […]

  • Ivano Petrucci ha scritto un nuovo articolo, Lo spettro di cemento – capitolo 4 in 3. Tè & Relax 10 mesi fa

    L’AVVERSARIO In questo momento, lontano più di duecentosettanta chilometri da Roma, vedo due piccioni litigare per quelle ultime molliche che gli ho gettato a terra, li vedo battere le ali con cupidigia c […]

  • Ivano Petrucci ha scritto un nuovo articolo, Lo spettro di cemento – capitolo 3 in 3. Tè & Relax 10 mesi, 1 settimana fa

    LO SPETTROImmagina la verde prateria al centro di quel bosco dove la stai incontrando ancora una volta, la calda brezza di un pomeriggio di giugno lambirle i lunghi capelli castani che in lontananza li vedi […]

  • Ivano Petrucci ha pubblicato un nuovo commento all’attività 10 mesi, 1 settimana fa

    Non hai mezzi termini, il tormento (se così posso definirlo) lo comprendo appieno 😉

  • Ivano Petrucci ha inviato un aggiornamento 10 mesi, 1 settimana fa

    @inverosimilmente Ciao Salvatore, ho leggiucchiato qualcosa di tuo e presto non mancheranno commenti in merito… ma una domanda che mi sta stuzzicando (e non so se l’avete già posta): che emozione (o emozioni) provi quando rileggi i tuoi scritti?

    • Voglio essere sincero al 100% spesso odio quanto scrivo. Sono molto esigente con me stesso, mi piace curare i dettagli (non tanto i refusi e l’ortografia che curo abbastanza) piuttosto i dettagli narrativi. Ad esempio in Questa è la fine ho davvero lavorato di fino su ogni singola parola utilizzata pesando e dosando tutti i termini.

      Poi dopo che…[Leggi tutto]

      0
  • Ivano Petrucci ha pubblicato un nuovo commento all’attività 10 mesi, 1 settimana fa

    Il tuo consiglio è prezioso, di fatto la consapevolezza dei periodi troppo lunghi è un nodo che sto cercando di sciogliere (è stato già notato) e come ben sai tali “vizi” si appianano una volta sviluppata una propria coscientizzazione su come sistemarli… E’ da un pò che non scrivevo e ho perso (naggia) l’accortezza. Sono sempre in fase di impa…[Leggi tutto]

  • Ivano Petrucci ha pubblicato un nuovo commento all’attività 10 mesi, 1 settimana fa

    Grazie ! 🙂

  • Ivano Petrucci ha scritto un nuovo articolo, Il viaggio della falena in 1. Coffee Break 10 mesi, 2 settimane fa

    Una piccola falena nacque da un bruco bianco e, calata la notte, volò via sentendosi libera nell’oscurità. Il destino l’aveva collocata a un grado più basso rispetto alla bellezza e alla solarità di una far […]

  • Ivano Petrucci ha pubblicato un nuovo commento all’attività 10 mesi, 2 settimane fa

    Grazie per il tuo commento, in effetti il capitolo è più un prologo (e con gli avverbi, effettivamente, non me ne ero accorto)… Spero allora che non sarai troppo mostruosamente tranquillo quando leggerai il resto hahaha 🙂

  • Ivano Petrucci ha scritto un nuovo articolo, Lo spettro di cemento – capitolo 2 in 3. Tè & Relax 10 mesi, 2 settimane fa

    NEL VICOLOD’un tratto il cellulare squilla e il motivetto della suoneria sembra così assordante, poi quando lo sfila dalla giacca per visualizzare la schermata si rende conto che la mano gli trema. La dicitura […]

    • Racconto intrigante, incuriosisce e cattura, bella la scelta del vicolo di cemento come metafora della trappola, anche mentale.
      Ti consiglierei, però, di rivedere un po’ lo stile di scrittura: oltre a qualche errore, ogni tanto l’uso dei tempi verbali è confuso e in generale i periodi sono troppo lunghi e “verbosi”, rischiano di far perdere il lettore e rendere la prosa pesante. Non mi riferisco tanto alle descrizioni psicologiche o a quelle ossessive ( in quel caso uno stile di questo tipo è perfetto), ma alle narrazioni, ai dialoghi, alle azioni.
      Un buon metodo per renderti conto se un periodo funziona oppure no potrebbe essere quello di rileggere ad alta voce quello che hai scritto, ti renderai conto più facilmente di eventuali “intoppi” dello stile.
      Comunque complimenti per la storia, sono molto curiosa di vedere come continuerà!

      0
      • Il tuo consiglio è prezioso, di fatto la consapevolezza dei periodi troppo lunghi è un nodo che sto cercando di sciogliere (è stato già notato) e come ben sai tali “vizi” si appianano una volta sviluppata una propria coscientizzazione su come sistemarli… E’ da un pò che non scrivevo e ho perso (naggia) l’accortezza. Sono sempre in fase di imparare a migliorare. Vediamo di tenerne conto nei prossimi capitoli XD, comunque sono lieto che in generale l’inizio della storia ti sia piaciuta.

        0
  • Ivano Petrucci ha scritto un nuovo articolo, D’impatto in Recensioni per il racconto Resti 10 mesi, 2 settimane fa

    E’ notevole quanto questo dialogo, per lo più telefonico, racchiuda nella sua sintesi apparentemente priva di narratologia una storia intensa, passionale, magari colma di innumerevoli condivisioni e tensioni, e […]

  • Ivano Petrucci ha cambiato la foto del profilo 10 mesi, 3 settimane fa

  • Carica di più