Menu

Attività

  • inverosimilmente ha inviato un aggiornamento 3 anni, 7 mesi fa

    Cari amici, stasera mi tocca Zootropolis con Samu! Vi abbraccio e vi pongo subito un quesito! Della Rowling ho acquistato il Seggio vacante, qualcuno lo ha letto? Spero che tra qualche anno Potter diventi amico dei miei bimbi!

    3+
    • Ancora non l’ho letto quello, ma presto lo recupererò!

    • So che @naemerys lo ha letto, ma so anche che stasera non potrà essere presente… risponderà nei prossimi giorni! Mi è stato detto che sembra quasi un “contraltare” rispetto alla saga di Harry Potter, in quanto è molto realistico e tratta temi di stringente attualità, senza il velo del mondo fantastico di Hogwarts. Mi incuriosisce, se non altro per vedere come si muove la Rowling su un terreno diverso. Deve essere difficile per uno scrittore di successo essere identificato soltanto con un unico lavoro, pur avendo anche altre storie da raccontare.

    • P.s.: per ovviare a questo problema, la Rowling ha anche pubblicato alcuni libri con lo pseudonimo di Robert Galbraith, lo sapevi, @inverosimilmente? Peccato che i fan l’abbiano scoperta ben presto…

    • Potrebbe diventare una lettura condivisa…

    • Poi Zootropolis l’avete visto…

    • Nonostante abbia apprezzato lo stile de “Il seggio Vacante”, che ha mantenuto la scorrevolezza di Harry Potter unito però ad una maggiore maturazione dell’attrice, non lo annovererei tra i must-read. Con Harry Potter ci siamo trovati a leggere una favola che ci ha raccontato una realtà, dove scopri i personaggi poco per volta, iniziando ad amarne ed odiarne le sfaccettature. In “Il Seggio Vacante” ha cercato di fare lo stesso senza però riuscirci: ne è uscito un pasticcio di temi, tutti importanti, certo, ma trattati con una certa superficialità dovuta probabilmente dalla fretta di dover concentrare tutto in un solo romanzo. Scegline uno, due, tre… Comprendilo e lascialo comprendere al lettore. Troppi personaggi, che quindi non lasciano un segno. Mi ha lasciato con un senso generale di confusione ed insoddisfazione.