Menu

Attività

  • inverosimilmente ha inviato un aggiornamento 3 anni, 7 mesi fa

    Domanda sparata subito: Taleb nel suo Antifragile sottolinea come il caos e le difficoltà possano essere momenti di crescita e vantaggio competitivo! Come affrontate i momenti difficili? Credo non tutti e tre alla stessa maniera…

    3+
    • Oh quindi partiamo subito con allegria eh. Benissimo.

    • Boh, è difficile da dire, dipende dalle situazioni. Io per esempio in linea di massima tento di distrarmi, rilassarmi e affrontare sempre i problemi a mente fredda. Non che ci riesca, ma ho spesso bisogno di fermarmi per poi tornare sulle cose…

    • Di momenti difficili purtroppo ne ho dovuti affrontare diversi nella mia vita e ho imparato che io posso essere, a volte quasi contemporaneamente, la mia più grande nemica e la mia più grande risorsa e alleata.
      Quello che mi fa più paura dei momenti difficili è non riuscire ad “estraniarmi” dalla situazione di per sé, di non avere una chiara visione degli accadimenti, lasciandomi sprofondare in pensieri ossessivi che mi abbattono ancora di più.
      Di solito quando sto molto male tendo a chiudermi in me stessa e a rifiutare la comunicazione con l’esterno; mi faccio forza per andare avanti e “resistere”. Mi pongo degli obiettivi per darmi la carica e spronarmi a reagire.
      Poi, impercettibilmente, riesco a riacquistare piano piano la visione di dove sto andando, ritrovo la lucidità e la giusta visione di cosa ho passato e come continuare ad affrontarlo. Credo di essermi rialzata sempre più forte da questi momenti di difficoltà, non so se mi lasciano un insegnamento, di sicuro mi hanno aiutato ad avere più consapevolezza di me e delle mie possibilità.

    • Ciao Salvo! 🙂 Non conosco il libro che citi ma l’ho prontamente googlato e inserito in wish-list 🙂 Personalmente, ho sorretto la palafitta della mia vita proprio sopra caos e difficoltà, non mi spaventano, anzi, ho imparato a sopravviverne sforzandomi di osservare il tutto da un punto di vista superiore. Per intenderci, dall’alto si può osservare meglio passato, presente e futuro ed i piccoli intoppi cosi appaiono solo come momentanei e passeggeri. Tutto è in movimento ed in trasformazione perciò tutto può cambiare e migliorare. (Una buona dose di ottimismo è fondamentale :D)

      • Lidia, è un mattone da prendere a piccole dosi… Vi strappo una risata, è rimasto nella mia colonnina di libri in bagno per più di tre mesi e l’ho letto a metà. I concetti sono molto forti ma è uno di quei libri da digerire con calma, quindi da leggere a mente libera

        • Dovrei cominciare anche io a suddividere i libri da leggere nelle varie stanze della mia casa, o magari anche nelle varie borse che mi porto in giro… almeno per far respirare un po’ il mio povero comodino!