Menu

Attività

  • Fabio Antinucci ha pubblicato un aggiornamento nel gruppo Logo del gruppo di Le serate del martedìLe serate del martedì 1 anno, 11 mesi fa

    Dato che spesso durante queste serate emerge l’importanza dell’editing e della revisione all’interno dell’opera dello scrittore, e che anche l’editor vuole la sua parte, faccio una domanda ad… @alba!
    Alba, nostra editor e responsabile editoriale, com’è stato lavorare su Cronache da un anno italiano e che sensazioni ti ha dato?
    (@margheritapace ovviamente partecipi anche te, eh!).

    3+
    • Come quasi tutti i lavori che ho affrontato, è stato molto bello, perché mi ha permesso di entrare in contatto con mondi, tematiche, stili nuovi.
      Piccolo retroscena: mi sono sentita onorata di lavorare con Margherita al suo primo romanzo e sono stata contentissima che abbia scelto di presentarlo a Geeko, perché una decina di anni fa, quando ero ancora una giovane studentessa arrembante (sono ancora giovane, eh!) seguivo il suo blog e ammiravo il suo modo di scrivere, la sua passione per certe tematiche, il suo approccio ai problemi sociali.
      Quindi è strano pensare che poi io come editor e, in generale, noi come geeko, abbiamo contribuito a realizzare il suo sogno di una vita, pubblicare un romanzo! Per me è stata un’emozione grandissima, oltre che un onore. Davvero.
      A parte queste considerazioni, il romanzo di Margherita mi è apparso subito molto “maturo” e ben strutturato, studiato, limato: c’era un’intenzione comunicativa forte e portata avanti con coerenza, una storia emozionante e dei personaggi veri che emergevano attraverso dialoghi e azioni coinvolgenti. Quindi il mio lavoro sul testo è stato principalmente di rifinitura.
      La parte più divertente è stata lavorare sulla lingua di Pablo, aggiungendo espressioni in spagnolo, oltre a cambiare le strutture grammaticali delle frasi in modo da adattarle a quelle della lingua spagnola, e dosare queste modifiche in modo che diventassero via via più lievi con il passare del tempo, facendo intendere che Pablo nel frattempo stava cominciando a padroneggiare la lingua italiana.