Menu

Chiudo la porta e mi ritrovo lì. Le pareti sono sempre le stesse , i mobili sono sempre gli stessi. Ma sono sola. Tutto intorno profuma di diverso, perchè manca qualcosa in quella casa. manca il tuo profumo.

Immaginando la vita insieme cerco una strada verso la tranquillità, se poi davvero esiste la tranquillità.

La vita a trent’anni nel 2018 non è facile. lavori precari che obbligano coppie a separarsi, ma a non lasciarsi mai, facendo sacrifici continui, sperando che il tempo curi la lonanza.

Quando i nostri nonni ci raccontavano che era difficile vivere con poco, oggi noi diciamo che è difficile vivere con tante possibilità, ma nessuna certezza.

E quindi chiudo la porta, vado in camera, mi guardo allo specchio, asciugo la lacrima, ti penso e penso che ce la faremo, faccio un bel respiro e vivo.

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Qualche informazione su giu.rossi3

Ho sempre scritto perchè era il mio mezzo per comunicare la mia vita e le mie emozioni.
Come mezzo ho sempre usato la poesia e il racconto breve.
Adoro leggere. La lettura di un libro per me è l'inizio di un viaggio, di un nuovo viaggio. Io immagino, sogno, ragiono, vivo, mi immedesimo, mi informo, mi arrabbio, rifletto. Un libro deve donarti e lasciarti qualcosa, proprio come un film, ma con la differenza che leggendo costruisci tu le immagini. È forse da qui che nasce la mia passione per il cinema. Dalle parole nascono immagini, pensieri e sogni. La lettura è ciò che ci permette di essere registi dei propri sogni.

Vedi tutti i post
No Posts for this author.
0