Menu

Trama: 

Estate 1975. Nola Kellergan, una ragazzina di 15 anni, scompare misteriosamente nella tranquilla cittadina di Aurora, New Hampshire. Le ricerche della polizia non danno alcun esito.

Primavera 2008, New York. Marcus Goldman, giovane scrittore di successo, sta vivendo uno dei rischi del suo mestiere: è bloccato, non riesce a scrivere una sola riga del romanzo che da lì a poco dovrebbe consegnare al suo editore. Ma qualcosa di imprevisto accade nella sua vita: il suo amico e professore universitario Harry Quebert, uno degli scrittori più stimati d’America, viene accusato di avere ucciso la giovane Nola Kellergan.

Il cadavere della ragazza viene infatti ritrovato nel giardino della villa dello scrittore, a Goose Cove, poco fuori Aurora, sulle rive dell’oceano.

Convinto dell’innocenza di Harry, Marcus abbandona tutto e va nel New Hampshire per condurre la sua personale inchiesta.

Marcus, dopo oltre trent’anni deve dare risposta a una domanda: chi ha ucciso Nola Kellergan?

E, naturalmente, deve scrivere un romanzo di grande successo.

Recensione: 

La somiglianza tra Marcus Goldman e Joel Dicker è quasi impressionante, entrambi giovani scrittori ed entrambi con un romanzo che li ha fatti letteralmente schizzare ai primi posti nelle classifiche. Sembra quasi che l’autore abbia inserito dei riferimenti autobiografici all’interno.

Nonostante questo, la verità sul caso Harry Quebert il suo posto nell’Olimpo se lo è meritato, eccome!

E’ il romanzo scritto da Goldman per riscattare l’amico, con una trama a dir poco travolgente, a volte contorta ma con una suspance costante.

Incentrato principalmente sulla figura di Quebert, tanto che ogni capitolo si apre con un suo consiglio, racconta come il protagonista dimostri un’incrollabile fiducia verso il suo protettore e le sfide che deciderà di intraprendere per salvarlo. Più si addentra nel passato, più Goldman si rende conto che pensava di conoscere il suo amico e mentore, ma, quella nota, è solo una piccola parte.

La verità non cambia nulla di ciò che proviamo per gli altri. È la grande tragedia dei sentimenti.

Si nascondono molti segreti nel passato di Harry che il lettore apprende insieme al protagonista grazie ai racconti dei fatti del passato da parte di Harry, racconti che conducono ad ancora più domande.

Se hai dubbi su ciò che stai facendo, mettiti a correre. Corri a perdifiato, senza mai fermarti. Sentirai nascere in te la rabbia di vincere.

L’ambientazione è quella della classica cittadina dove non succede mai niente, vanno tutti in chiesa da bravi cattolici e fanno i pic-nic la domenica, riponendo i loro scheletri ben nascosti nell’armadio.

L’unica nota amara è stata la descrizione di vari personaggi femminili a partire dalla madre molto apprensiva di Goldman che a tratti rasenta la più grande stupidità per arrivare alle amiche di Nola, alla ricerca solo di un buon partito.

Mi sarei aspettata un atteggiamento del genere se i fatti fossero accaduti negli anni quaranta però è un aspetto sorvolabile.

In conclusione, non fatevi spaventare dal numero di pagine perché non riuscire a staccarvene e pregherete per delle pagine in più.

L’amore è molto complicato. È la cosa più straordinaria e al tempo stesso la peggiore che possa capitare. Un giorno lo scoprirai. L’amore può fare molto male. Questo non significa che si debba aver paura di cadere, e soprattutto di precipitare nella voragine dell’amore, perché l’amore è anche bellissimo ma, come tutto ciò che è bello, abbaglia e fa male agli occhi. È per questo che spesso, dopo, si finisce per piangere.

Qualche informazione su BooksJungle

Vedi tutti i post
No Posts for this author.
0