Menu
In un bosco lontano lontano viveva una lepre. Come tutti gli animali di questo tipo era dotata di grandissima velocità e ne andava davvero tanto fiera. Forse troppo. Non si faceva mai mancare l’occasione per vantarsi pubblicamente delle sue qualità e amava intrattenere chiunque avesse davanti con le sue storie di corsa selvaggia. 
 
Ovviamente per gli altri animali era un’agonia starla ad ascoltare. La lepre infatti appariva agli occhi di tutti come vanitosa, superba e sempre in cerca di inutili approvazioni del caso.
 
Un giorno, mentre per l’ennesima volta l’animale tesseva le sue lodi di fronte a dei malcapitati scoiattoli che ascoltavano annoiati, gli si avvicinò con passo lento e costante una tartaruga. 
 
– Salve amica lepre. ancora a raccontare quanto tu sia veloce a questi sventurati?
 
– Sei forse invidiosa?
 
– Assolutamente no. Sei una lepre e in quanto tale ovviamente sei velocissima. Ma se facessimo una gara sicuro vincerei io…
 
La lepre, come d’altronde gli spettatori presenti, rimase stupita da quell’avventata affermazione.
 
– Stai scherzando, vero? Evidentemente non mi conosci davvero… Va bene! Ti sfido ad una gara di velocità!
 
La tartaruga rimase in silenzio a pensare per un po’. Poi proseguì innervosita.
 
– Una gara? Ancora co ‘ste cazzate? con tutte le cose serie da fare è cosi che impieghi il tuo tempo? quand’è che crescerai?
 
E se ne andò indignata.
 
Rimasta sola, la lepre entro in depressione e si impiccò. la tartaruga compiaciuta passo il resto della vita a godersi quella vittoria.
[Voti: 1    Media Voto: 5/5]

Due cose su Francesco

Francesco Curti nasce nel 1984 a Bracciano, paese pieno di baretti alle porte di Roma.

Cresciuto tra Master System, scout e musica punk, passa gran parte della sua adolescenza a suonare il basso nei peggiori locali della contea e a sognare un futuro da nomade digitale. Oltre a nutrirsi in maniera ingorda di tutta la cultura pop anni '80 (e un pochino di quella degli anni '90 ma giusto qualcosina perché, ricordiamoci sempre, quelli erano gli anni delle terribili boyband) che comprende film, musiche e libri di inarrivabile bellezza.
In seguito si laurea in “Lettere e comunicazione”, all'epoca andavano di moda 'sti mischioni tra facoltà che facevano tanto figo, e passa da un lavoro all'altro dimostrando una forte predisposizione al lavoro di squadra e al farsi pagare in visibilità.

Nel 2015 si concede una lunga parentesi australiana e proprio durante questa esperienza Francesco decide di narrare le sue vicissitudini attraverso un blog, diaridiburro.wordpress.com, che gli darà un sacco di soddisfazioni e lo farà litigare con un cinese.

Nel 2017 Francesco Curti va a vedere i Guns'n'Roses.

Favole felici per bimbi bravi vol.1 è la sua prima opera pubblicata. Come suggerisce il titolo stesso, Francesco sta lavorando alla seconda parte.

Vedi tutti i post

Le recensioni di questo racconto

Non ci sono recensioni per questo post