Menu

Ben trovati, cari Geeki! Vi ricordate il contest “Io sostengo gli esordienti” che Marianna Brogi (@olimpiabrancaleone), autrice di “Scrivi”, ha lanciato su Instagram, insieme a noi? L’iniziativa consisteva nel postare una foto (preferibilmente un selfie, ma abbiamo accettato anche le foto dei “timidoni”) con il libro di un esordiente, per promuoverlo e sostenerlo. Alla fine dell’anno abbiamo fatto un  grande sondaggio nelle storie di Instagram, con diverse manches, per decretare il vincitore finale, tra tutte le foto dei partecipanti. La vincitrice del contest è stata Valentina Macchiarulo (@valentina-macchiarulo, qui su Geeko e @ valentinamacchiarulo su Instagram), scrittrice esordiente che ha da poco pubblicato il suo primo libro,  “Leggera come lei”.
In questa intervista  le abbiamo rivolto delle domande per conoscere qualcosa di più su di lei, sul suo libro e sui suoi progetti futuri. Buona lettura!

1. Chi è Valentina? Raccontaci un po’ di te e del tuo mondo!

Chi sono io? Ecco questa per me è una delle domande più difficili a cui rispondere…iniziamo bene! Sono una mamma innanzitutto, poi moglie, figlia, donna, psicologa e amica. Vivo nella provincia di Milano, ad Abbiategrasso precisamente, ma sono nata a Cerignola ed ho vissuto per diversi anni a Chieti, città che adoro ed in cui ho lasciato un po’ di cuore. Cos’altro poter dire? Come si fa a rispondere senza essere banale o troppo poco obiettiva? Sono Valentina, ho 37 anni, quasi 38 e posso dirvi bene chi sono stata ieri e, forse, potrò dirvi meglio domani chi sono oggi. Per ora so che sono alla continua ricerca di me e di quel giusto spazio per costruirmi come persona e scrittrice.

La foto con cui Valentina ha partecipato al contest #iosostengogliesordienti.

2. Di cosa parla “Leggera come lei”? Cosa ti ha spinto a scriverlo?

“Leggera come lei” è un libro che parte da un oggetto che ogni donna possiede e da qui, da questo semplice oggetto e da quel che ne contiene, si sviscera una disamina, personale senza dubbio, ma che abbraccia l’esperienza e il vissuto di molte persone in generale. È, principalmente, un viaggio tra ricordi e pensieri di una vita semplice, che chiunque può aver vissuto, la cui meta è il desiderio di realizzazione di un sogno e la ricerca di certezze per potersi amare e sentirsi capaci ad accettare noi stessi e gli altri.
All’interno si affrontano tematiche importanti, alcune difficili e, perciò, ho provato a farlo in maniera lucida, cercando di coinvolgere il lettore e di renderlo partecipe.
La mia speranza è che, chi più – chi meno, tutti possano ritrovare un po’ del proprio sé, leggendo questo mio libro.
Ciò che mi ha spinto a scriverlo è stato proprio tutto questo, la voglia di togliermi di dosso un po’ di polvere, di ricominciare a credere in me stessa e nei miei sogni. L’idea che seppure la mia vita non abbia nulla di eclatante, resta speciale, normale e speciale. Perché tutti noi siamo il risultato delle nostre esperienze e del modo in cui le abbiamo personalmente percepite e vissute.

3. A chi consiglieresti la lettura di “Leggera come lei”?

Sono consapevole che il mio libro, nonostante sia di poche pagine, richiede una lettura attenta e forse ripetuta. Perciò mi sento di consigliare “Leggera come lei” a tutti coloro che hanno voglia di fermarsi a riflettere, di prendere un po’ di tempo per chiedersi chi sono e chi vorranno essere, insomma, una lettura per chi, come me, a volte si è posto o si pone delle domande e sa che la vita ha già risposto o non tarderà a rispondere.

La copertina di “Leggera come lei”, il primo libro di Valentina Macchiarulo.

4. Da cosa trai ispirazione?

Traggo ispirazione da tutto ciò che può essere considerato bello, dalla vita, dalla costanza, dai racconti che mi vengono regalati e da quello che, a volte, ho paura di raccontare a me stessa. Traggo ispirazione dagli odori, dal tempo, dalla fatica, dai sorrisi e soprattutto dalla musica, quella che sa far suonare le corde delle mie emozioni.

5. A quali progetti ti stai dedicando e qual è quello che ti dà maggiore soddisfazione?

Ho finalmente iniziato un nuovo romanzo. Sono a buon punto, ma essendo mamma di due bambine piccole, il tempo spesso non è gentile con i miei programmi. Perciò unico progetto per il 2019 è avere pazienza con il ticchettio tiranno e riuscire a terminare il mio libro, considerando che il progetto che più mi regala soddisfazioni e a cui mi dedico con priorità è la crescita delle mie bimbe Alice e Cecilia.

6. Quali sono i tuoi buoni propositi di lettura e scrittura per il 2019?

È da un po’ di tempo che preferisco non pensare troppo a quello che voglio riuscire a fare entro scadenze precise, preferisco pensare solo che dovrò riuscirci, prima o poi. Perciò di sicuro c’è la volontà di leggere e scrivere quanto più sia possibile farlo!

Vi ringrazio di cuore per il tempo e l’attenzione dedicatami.
Auguro un buon lavoro a tutto lo staff di Geeko Editor.

Grazie a te, Valentina, in bocca al lupo per tutti i tuoi progetti e speriamo di poter leggere presto qualcosa di tuo qui sul sito di Geeko!

[Voti: 1    Media Voto: 5/5]

Qualche informazione su Redazione Geeko Editor

Account aziendale di Geeko Editor.
Qui troverai notizie sui nostri lavori, il nostro blog e molto altro.
Contattaci per qualsiasi informazione!

Vedi tutti i post
0