Menu

Sulle strade andare, senza fare un passo, solo un pensiero per amico.

Pensieri d’emozioni confuse , eccomi sono qui!

Sto camminando da molto, mi guardo attorno, in attesa di un bosco ma trovo solo cemento. Cammino ancora un poco, forse dietro quella salita, o forse dopo, chissà.

Nessuno mi guarda davvero, sfiorano solo il mio corpo, troppo assorti dai loro di pensieri; che poi cosa se ne fanno di quei cosetti, tutti farciti di ansia e di rabbia repressa, mah.

Io cammino, continuo, anche se fa male.

Vedo, ma soprattutto sento, il dolore, la rabbia di cui questi si rivestono,cercando di camuffarsi e di passare inosservati. Io sento tutto!

Vorrei tapparmi le orecchie, non è da li che avverto, è più profondo il mio registratore. Quanto vorrei intervenire con una bel colpo d’ali e far tacere questi urlatori!

Ma non posso Papà mi sgriderebbe, ed io anche se sono abituata ho un po’ paura che perda davvero la pazienza con me!

Se faccio come mio fratello, Lucifer, addio! Ricordo ancora il suo grido, sapeva di dolore puro di pianto antico.

Si, incido tutto, per poi sfogliare e rivedere; me lo dico sempre, ma lo faccio poco. Seperdessi i miei appunti? Sarebbe tragico! Io con lo scritto mi sfogo e le mie emozioni anziché soffocarmi mi fanno star meglio!

Mi piace questa cosa che si dice, di usare l’istinto.

Istinto, cosetta strana, che ti mette sugl’occhi una lente, che ingrandisce qualcosa e sminuisce altre, io ne so qualcosa, ma non posso raccontare…

Devo camminare. Volare non se ne parla!

Quante grida sto sentendo, quanto dolore! Il tutto per quel che chiamano potere, che cosa strana quando ne hanno un poco non sanno più gestirlo.

Vorrei ritrovare quelle risate che sentii tanto tempo fa; erano tempi felici e le ali crescevano senza problemi, ora invece… Eccomi qui, a guardare solo cemento e cercare una fonte di vita pura.

Che puzza, no non di inquinamento, ma di menzogne quante ce ne sono qui!

Devo camminare ancora un poco,devo farlo velocemente o questa puzza mi farà soffocare. Se soffoco cosa mi succederà? Mi trasformerò in aria fetida, in puzzo d’odio!

Aish!Che male! Cos’è questo dolore?

Ah… Ecco! L’amor tradito, il suo sapore è sempre lui: un misto di amaro, salato, un tocco d’acido e di dolce. Dolcezza, come mi manca, era ovunque ed ora sempre più rara!

Continuo a camminare un po’ dolorante, quell’amore doveva essere proprio forte, per sentirlo ancora con questa intensità. Chissà che storia racchiude, dovrò chiedere al mio collega; qui è tutto organizzato!

Gli amori sono davvero strani, nascono piccoli,crescono, per poi diventare secchi in un lampo!

Si sta facendo buio, ed io cammino ancora: dannate ali potreste ricresce, con un minimo di velocità in più?

Facile dire: cerca chi sta provando gioia! Certo facile a dirsi,ma a farsi?

Dove lo trovo io un piccoletto, che davvero sta provando felicità pura e non solo illusione? Mi spiegate dove in questo pantano di bugie?

Diamine, ho provato nelle scuole, ho provato nei parchi, solo briciole ho trovato, troppo tanfo di bugie,di ansie mi coprivano tutto!

Continuo a camminare, è meglio per me o per loro?

Però, un aiutino no, ne? Tutto da me per temprare ,mi hanno detto, lo Spirito. Devo trovare il mio posto,ah, l’organizzazione di Papà…

Io non ho anocra capito molto, ricordo tante parole ma pochi gesti.

Ecco, forse forse… Veloce! Veloce! Che poi l’aroma si perde!

Ho sentito il profumo di una risata, sapeva di amarena e di ciliegia, una buona cosa ,forza! Forza! Magari è la volta buona!

Corri, corri, che se no le ali mi ricresceranno nella prossima vita!

Io non ho tempo!

Aish, parlo come quegli omini, senza tempo dicono… Bah!

Forza… Forza!

Eccomi!

Ti vedo! La fonte della risata!

Cavoli sei forte, mi avvicino con calma!

Che profumo! Che potenza! Che bellezza!

Eccoti!

Siete in due, fammi bene guardare, ecco!

Sei ciò che chiamano bambino , tu cosetto, cosa saresti?

Ahhh che voce! Mi vedi? Vedi proprio me?

Impossibile!

Eppure … Eppure…

Picere Azarael e tu?

Ah piacere !

E lui?

Grazie per l’accoglienza! Io sono qui per le mie ali!

Ops ho detto troppo mi sa che qui scatta la punizione! Se ripeso a Lucifer…

No! Ora no! Non posso cedere proprio ora! Mi manca così poco!

Concedermi una pausa, per galleggiare nel nulla, non sentire solo nulla.

Il male cosa sarebbe? Io ho vaghi ricordi, ed ora sono qui con voi cosetti!

Cos’avete da ridere? Cos’avete da gioire?Perchè lo fate?

Mi dite, perché infondo cosa si perde con il ridere?

Io non capisco..

Sapete ridere ed è la cosa che vi viene più spontanea? Come amare?

Io dovrei amare? Come si fa?

Forse se mi fermo un poco ad osservarvi imparerò qualcosa, posso?

Ed eccomi qui ormai sono millenni che osservo,ho imparato tanto in questo tempo, siete sempre cosetti ma dentro avete tanta forza,tanta energia. Solo che siete proprio maldestri e credete di non valere! Eppure se solo vi accorgeste che per noi siete tanto e per altri di voi potete essere Tutto!

Prendete anche voi le vostre ali, coraggio!

Ci vediamo tra le nuvole!

Qualche informazione su cristina z

Eccomi una piuma al vento così mi sono descritta in tempi non sospetti e più o meno confermo. In cerca di un orizzonte

Vedi tutti i post
No Posts for this author.
0