Menu

C’era una volta un ricordo che si scordò,
e per questo motivo cessò di esistere.
Portava con sé il calore dell’estate,
i suoni del vento e l’odore del mare.
Possedeva inoltre alcune stelle, piccole e luminose,
avvolte in un lenzuolo di speranza.
Era un ricordo diverso dagli altri
e forse è per questo che si scordò.
Aveva la voce del vento,
ma non lo aveva mai sentito soffiare.
Celava il suono di una canzone
che non era mai stata scritta
e i versi di una poesia
che nessuno compose.
Era il pensiero di un passato
riscoperto in uno sguardo,
oppure di un futuro
ritrovato in un abbraccio.
C’era una volta un ricordo che si scordò,
ma non per questo cessò di esistere.
Rimase lì, dove venne ritrovato,
tra le pagine bianche
di un destino non scritto.
(Il ricordo scordato – Alessandra Loreti)

[Voti: 4    Media Voto: 4.8/5]

Due cose su Alessandraloreti

Grafica, illustratrice, scrittrice esordiente, appassionata di life coaching e formazione, amo tutto ciò che sia attinente al mondo dell’arte e della comunicazione. La mia passione artistica mi ha portata negli anni a formarmi in ambiti diversi: mi sono qualificata come operatrice grafica pubblicitaria al liceo e continuato il percorso specializzandomi come graphic designer presso l’Accademia di Arti e Nuove Tecnologie. Successivamente mi sono formata come illustratrice presso la Scuola Internazionale di Comics. Qui ho seguito anche un corso di fumetto e uno di scrittura creativa.

A Novembre 2016 è uscito il mio primo libro “Quel desiderio che sa di cielo”, autoprodotto, e disponibile da novembre 2017 in versione ebook sullo shop di Geeko Editor.

Vedi tutti i post

Le recensioni di questo racconto