Menu

Se avessero voluto si sarebbero ritrovati,
come il sole quando, a marzo, riscopre la bellezza della primavera.
Lei avrebbe detto parole, lui avrebbe ascoltato.
E poi viceversa.
Lui avrebbe lasciato parlare il corpo, il sorriso, le mani.
Lei avrebbe capito comunque.

A questo pensava mentre arrotolava una ciocca di capelli
intorno al dito. Alle parole non dette che supplicavano di uscire,
ai gesti stretti nella morsa di un passato che non passava,
alle incomprensioni che volevano essere comprese,
a quelle emozioni che premevano alla gola.
Ad un nuovo inizio.
Al risveglio dei fiori a marzo quando il sole riscopre la primavera.
Ai colori, al tempo, all’attesa che cambia e matura, che cresce,
che impara a conoscere.
Avrebbero potuto ritrovarsi come il sole
che riscopre la bellezza della primavera, pensava.

Ma era ancora dicembre.

Due cose su Alessandraloreti

Grafica, illustratrice, scrittrice esordiente, appassionata di life coaching e formazione, amo tutto ciò che sia attinente al mondo dell’arte e della comunicazione. La mia passione artistica mi ha portata negli anni a formarmi in ambiti diversi: mi sono qualificata come operatrice grafica pubblicitaria al liceo e continuato il percorso specializzandomi come graphic designer presso l’Accademia di Arti e Nuove Tecnologie. Successivamente mi sono formata come illustratrice presso la Scuola Internazionale di Comics. Qui ho seguito anche un corso di fumetto e uno di scrittura creativa.

A Novembre 2016 è uscito il mio primo libro “Quel desiderio che sa di cielo”, autoprodotto, e disponibile da novembre 2017 in versione ebook sullo shop di Geeko Editor.

Vedi tutti i post
[Voti: 2    Media Voto: 4/5]

Le recensioni di questo racconto

Non ci sono recensioni per questo post