Menu

Ben trovati, Geeki!
Siamo nel pieno del Carnevale e abbiamo deciso di consigliarvi alcuni libri ambientati in questo periodo. Di seguito troverete letture adatte ai gusti di tutti, che spaziano dal giallo al romanzo, fino ad arrivare ai libri di cultura popolare.

Agli amanti dei thriller vogliamo proporre I delitti del Carnevale, di Glew Bristow e Bruce Manning.

New Orleans, il Carnevale coinvolge tutta la città in un gioco di parate, danze, baldorie e feste. I delitti di carnevale

Tra la popolazione c’è però un gruppo di uomini e donne che preferiscono festeggiare a modo loro: sono i seguaci di Dis, dio greco degli inferi, che mascherati da diavoli si riuniscono nell’elegante dimora di Cynthia Fontay per il consueto ballo nella sera del lunedì grasso. Sarà la morte di uno degli ospiti, pugnalato al cuore in una stanza della casa, a sconvolgere la “normalità” di quella festa alternativa. L’indagine viene affidata al capitano Murphy della Squadra Omicidi che si ritroverà non solo a dover capire chi è il colpevole, ma anche come ha fatto l’assassino a identificare la sua vittima dato che tutti sono mascherati. Un thriller che incatena alla lettura, e che porta a divorare in poche ore le sue trecento pagine. Un viaggio in un Mardi Grass da ricordare per la sua parata… di morte.

 

Per chi invece è alla ricerca di una lettura che parli di temi attuali consigliamo Metti il diavolo a ballare,Metti il diavolo a ballare di Teresa De Sio. La terra è quella aspra e impenetrabile del Salento. II tempo è quello in cui le tarante mordevano nelle campagne e bisognava mettere “a ballare” i pizzicati. Archina, protagonista tredicenne, viene “morsicata” dalla tarantola. Un romanzo corale a cui partecipano tanti personaggi per rappresentare il bisogno di tutti perché la musica liberi dal “male” la protagonista, e ognuno si renda conto di essere partecipe dello stesso male e dello stesso dolore. Tutto ruota attorno alla notte di carnevale in cui avviene l’irreparabile ed è sconvolto il paese, un paese sanguigno, violento, ignorante, in cui si preferisce non vedere il male sotto gli occhi di tutti, in cui la felicità è quasi assente, perché è come ‘una zattera’ che raramente arriva e ancora più velocemente si allontana. Saltando avanti e indietro nel tempo si scoprono drammi e dolori, perdite e amori. Una storia d’attualissima pertinenza, quella della violenza minorile tra le mura domestiche. Una storia di contrasti: da un lato il sole accecante del Salento e la luminosità della musica e della danza, dall’altro il buio dell’animo dei personaggi e il nero profondo della violenza.

A  chi invece preferisce i romanzi consigliamo il finalista al premio Strega 2013 Mandami tanta vita, diCopertina mandami tanta vita Paolo Di Paolo. Sono i giorni di Carnevale del 1926. Moraldo è appena arrivato a Torino per una sessione di esami e, giunto alla pensione in cui alloggia, scopre di avere scambiato la sua valigia con quella di uno sconosciuto. Mentre fatica sui testi di filosofia coltiva la sua ammirazione per un coetaneo di nome Piero. Alto, magro, occhiali da miope, a soli ventiquattro anni Piero ha già fondato una casa editrice, e combatte con lucidità la deriva autoritaria del Paese. Nel frattempo ritrova la valigia smarrita, ed è conquistato da Carlotta, una fotografa di strada disinvolta e imprendibile in partenza per Parigi. Anche Piero è partito per Parigi, lasciando a Torino il grande amore, Ada, e il loro bambino nato da un mese. Una storia di ricerca, un viaggio per trovare la propria strada e se stessi. Un elogio alla giovinezza che diventa istante per “sprecare tempo”, sprecarlo per leggersi dentro e trovarsi. Una lettura per chi è alla costante ricerca di una storia d’amore che non si fermi all’essere sdolcinato, ma rifletta anche sugli ideali, sul senso della vita, sulle emozioni che ci spingono a vivere al meglio ogni istante della vita.

 

Se invece sono le storie vere ad appassionarvi e vi piace farvi trasportare in giro per il mondo, non vi resta che leggere La scuola ai confini del mondo, di Andrea Hirata. Indonesia, nella sconosciuta isola di Belitung, la piccola scuola Muhammadiyah lotta per sopravvivere al cedimento delle strutture e agli ispettori che vogliono chiuderla. Dieci bambini e Bu Mus, insegnante sedicenne: basteranno loro, i Laskar Pelangi, i guerrierCopertina La scuola ai confini del mondoi dell’arcobaleno, a salvarla e a dare speranza. C’è Mahar, l’artista della classe, e Lintang, il piccolo genio con il pallino dei numeri e della geometria, A Kiong con la testa a barattolo, Trapani, irriducibile mammone, e Sahara, che non sa dire bugie.  Attorno a loro, una natura magica e selvaggia, piena di pericoli e di meraviglie. Tra disavventure e piccoli trionfi, coccodrilli sacri e mucche vagabonde, saggi sciamani e una sfilata di carnevale che fa vincere alla scuola un premio molto importante i personaggi saranno protagonisti di una storia fatta di coraggio e voglia di crescere e realizzarsi. Il libro è stato scritto da uno dei dieci bambini, uno dei guerrieri, che ha vinto la sua battaglia con la povertà e le piogge tropicali ed è diventato uno scrittore adulto pluripremiato grazie ad un impegno preso con se stesso bambino: “Guardandola attraversare il cortile con una foglia di banano come ombrello, in cuor mio feci una promessa: da grande, avrei scritto un libro dedicato alla mia maestra.”

Ultimo, ma non per importanza, Comandi, sior paron!, di Gina Bellot.Copertina Comandi, sior Paròn!

Definito “letteratura per ragazzi” ma adatto a tutti coloro che si divertono a rileggere le avventure delle maschere più popolari e conosciute. Un libro in cui non solo Arlecchino, Pantalone, Pulcinella e Balanzone ma anche indovini e saltimbanchi ci accompagnano alla scoperta di Venezia, madre e culla del teatro e teatro essa stessa. Scritto da una veneziana doc è il racconto dei grandi eventi ma anche dei piccoli segreti della Serenissima, una scrittura che mescola sapientemente italiano e dialetto, cultura popolare e signorile, una storia di contrasti che vedono da un lato la ricchezza della città dei canali e dall’altro i suoi mille problemi, affrontati in chiave ironica. Un libro da divorare o da curiosare poco alla volta, partendo da storie note o da aneddoti sconosciuti.

E siamo quindi giunti alla conclusione di questo nuovo articolo.

Speriamo sia stato di vostro gradimento e abbia saputo invogliarvi alla lettura di uno dei libri che vi abbiamo proposto. Non ci resta che augurarvi buona lettura in caso decidiate di sceglierne uno o di commentare con i vostri titoli preferiti di libri ambientati o inerenti al nostro tema carnevalesco.

Ps: Un consiglio?
Qualunque sia il libro da voi scelto, che siate di Firenze, Napoli, Roma o Bari, concedetevi qualche minuto di relax, accompagnando la vostra lettura con chiacchiere e castagnole, frittelle di mele o ravioli dolci.

Perché si sa, a Carnevale ce n’è per tutti i gusti… anche di libri!

 

Silvia Messina

 

 

Due cose su Redazione Geeko Editor

Account aziendale di Geeko Editor.
Qui troverai notizie sui nostri lavori, il nostro blog e molto altro.
Contattaci per qualsiasi informazione!

Vedi tutti i post
No Posts for this author.
[Voti: 1    Media Voto: 5/5]