Menu

Ti ricorderò così, pensando a questo inchiostro che è tuo e a mille contrasti. Le tue cuffie grandi, i miei auricolari. I tuoi collant nero pece, la mia sciarpa arcobaleno pace. Il tuo giornale politichese, il mio manuale di latino. Il tuo rimmel estremo, la mia prudenza da ragazzino. Cosa cambierei di te? Le scarpe o le mani non curate. A che titolo poi? Osservo la penna che mi hai prestato. È ora di restituirla. Non vorrei essere scortese. Il tuo prego tradisce oltre al fumo, provenienza meridionale. Suoni conosciuti. Così termino queste 100 parole in cui tu, sconosciuta, resterai.

Due cose su inverosimilmente

Mi chiamo Salvatore Improta, (on line con il nickname Inverosimilmente). Sono nato a Napoli nel 1979, vivo a Bologna dal 2001 e lavoro a Rimini dal 2015 come responsabile di Sistemi di Gestione. Sono un accanito lettore, figlio di un litografo - casa dei miei genitori è invasa da carta stampata. Tra i miei autori preferiti... Saviano, Auster, Fante, Ammaniti, Brizzi...mi fermo solo per questioni di spazio.
Mi sono avvicinato giovanissimo alla scrittura, in primo luogo di racconti brevi.
BRUCIA è il mio secondo romanzo (il primo ad essere pubblicato) è disponibile dal 15 novembre tra gli e-book della grande famiglia Geeko!

Vedi tutti i post
[Voti: 1    Media Voto: 4/5]